Café polyglotte sur le net (Language forum)
Vous souhaitez réagir à ce message ? Créez un compte en quelques clics ou connectez-vous pour continuer.

I feel good. World Happiness Report

3 participants

Aller en bas

I feel good. World Happiness Report Empty I feel good. World Happiness Report

Message  idaM Sam 8 Juil - 16:58

Un sogno concepito  nel 1972 dal matematico irlandese Francis Ysidro Edgeworth che però non vide mai la realtà,  era l’edonimetro, ovvero un misuratore della felicità, «una macchina psicofisica «capace di registrare il livello di piacere provato da un individuo»,.
L’idea però ebbe successo e fu colta dall’Assemblea Generale dell’ONU che, nel 2012, ha proclamato il 20 marzo come Giornata Internazionale della Felicità con la pubblicazione di un rapporto sulla felicità mondiale (World Happiness Report).
Oggi, grazie al consenso generale guadagnato dal rapporto, la felicità sembra essere realmente un obiettivo operativo dei vari governi.
Ma come si misura la felicità?
Il World Happiness Report  analizza la felicità in 158 nazioni attraverso diversi indicatori, tra cui il PIL pro capite, l’aspettativa di vita, la solidarietà e il livello di corruzione percepito (l’Italia è al 36° posto).
Una decina di anni fa due matematici Peter Dodds e Chris Danforth hanno creato un misuratore dell’umore collettivo negli Stati Uniti, fondato sull’analisi quotidiana di oltre 100 GB di dati, corrispondenti a 50 milioni di messaggi scritti su Twitter chiamato proprio [i]Edonimetro, con una parla derivante dal greco  "ἡδονή" (hēdonē), che significa "piacere" o "godimento" e "μέτρον" (metron), che significa misura. [/i] Certo, questo può aiutare nella bolla digitale, dove si possono contare ad esempio le parole come gioia, felicità, tristezza …, nei vari Twitt o i like su Facebook, ma fuori diventa davvero arduo.
Oggi pare evidente che i parametri valutativi del WHR e dell’Edonimetro non siano sufficienti e soprattutto non in grado di valutare effettivamente la felicità, anche perché la felicità è soggettiva e, pertanto,  non misurabile in senso scientifico.
Qualcuno ha detto che “Il Paese felice è quello in cui si è alleggeriti dallo stress del consumismo”, cioè dalla pulsione all’acquisto di beni per reggere agli stimoli consumistici appunto e, secondo me, non ha tutti i torti.
Grazie alla continua ricerca internazionale, ultimamente, sono stati individuati altri indicatori, i  cosiddetti Sustainable development goals, o Sdg quali la crescita economica, la qualità dell’educazione, l’utilizzo di energie rinnovabili, l’uguaglianza di genere, ai quali  l’Italia ha aggiunto il rapporto tra istruzione e formazione, il lavoro e la conciliazione, il benessere anche economico e il patrimonio culturale, conseguendo il primato d’aver aggiunto l’indicatore del benessere nella misurazione della felicità.
La tendenza oggi  punta anche sulla riduzione dello stress lavorativo, sulla diminuzione delle ore lavorative per consentire una maggior vicinanza alla famiglia e agli affetti. E se l’intelligenza artificiale riuscisse a svolgere il lavoro dell’uomo consentendogli più spazio per sé? Di sicuro sarebbe un grande beneficio e un indicatore importante potrebbe essere raggiunto.
E gli antichi greci?  Anche loro si erano posti questo interrogativo.
Ricordiamo Socrate, per il quale essere felici equivaleva a  vivere secondo il proprio demone, cioè conoscere ed essere sé stessi,  Γνῶθι σεαυτόν καὶ ζῶσον κατὰ τὸν δαίμονά σου. (Gnōthi seautón kaì zōson katà tòn daímoná sou.)


Dernière édition par idaM le Mer 28 Fév - 22:37, édité 1 fois
idaM
idaM

Messages : 78
Lieu : Como
Langues : Italian (langue maternelle), es, fr, gb

lambda95t3 aime ce message

Revenir en haut Aller en bas

I feel good. World Happiness Report Empty Re: I feel good. World Happiness Report

Message  MurielB Sam 8 Juil - 22:46

Grazie mille Ida per scrivere a proposito de la felicità. È molto interessante. Alcuni mesi fa Rémy aveva scritto in francese nel foro
Remy a écrit: Per quanto ne so, i Paesi scandinavi sono riusciti a stabilire una vera e propria socialdemocrazia, una terza via tra un comunismo che non funziona e un capitalismo liberale che nel complesso funziona ma fa molti danni.

Ai bambini viene insegnato fin da piccoli a lavorare in gruppo, a collaborare piuttosto che a tirarsi su con le proprie gambe. Non ci sono voti a scuola, dove tutti imparano, tra le altre cose, la cucina e la falegnameria. Gli insegnanti sono lì per aiutare.

Ci sono differenze di reddito, ma sono molto limitate. Alcuni stipendi sono bassi, ma le indennità forniscono un livello di reddito decente. Non ci sono quasi mai redditi molto alti, ma perché preoccuparsi? Dopotutto:
- tutti lavorano, uomini e donne; altrimenti non si ottiene nulla
- c'è un posto all'asilo nido per ogni bambino in età da asilo nido
- l'istruzione e l'assistenza sanitaria sono gratuite
- gli studenti vengono pagati (in Danimarca) 700 euro al mese
- l'alloggio non è molto costoso
...

Ogni abitante della città è libero di costruire la propria capanna di legno in un angolo della foresta, con una sauna nelle vicinanze, dove la famiglia va nei fine settimana. Non costa molto.
Soprattutto, dato che le disparità di reddito sono accettabili, non c'è guerra di classe. Le persone festeggiano insieme indipendentemente dal loro status sociale, il che costa molto meno che concedersi molteplici segni di ricchezza. La felicità viene prima di tutto dal divertirsi insieme, davanti a un drink o a un barbecue.
http://www.repubblica.it/rubriche/passaparola/2017/01/13/news/il_metodo_danese_per_vivere_felici-155950776/amp/

_________________
France Merci de me faire part des grosses fautes dans mes messages en langue étrangère (en Message Privé). Grâce à vos remarques, je pourrai m'améliorer  :-) 
Pour n'importe quelle  question =>muriel.bercez@gmail.com
Pour connaitre le mode d'emploi=>PRESENTATION
You Don't speak French              =>Gb,De, Esp, It 
MurielB
MurielB
Admin

Messages : 17605
Lieu : Calais
Langues : Français (Langue maternelle), Gb, De, It, Es, chinois

lambda95t3 aime ce message

Revenir en haut Aller en bas

I feel good. World Happiness Report Empty Re: I feel good. World Happiness Report

Message  idaM Dim 9 Juil - 12:41

Il Word Happiness Report 2023 vede la Finlandia al primo posto da sei anni e la Danimarca al secondo nella classifica dei Paesi più felici. Seguono Finlandia, Islanda, Israele, Olanda, Svezia, Norvegia e Svizzera, nei primi dieci. Gli ultimi tre in classifica Sierra Leone, Libano e Afganistan. L'Italia è al 33° posto. Questo conferma il mio pensiero in merito alla pace sociale e all'assenza di conflitti ed esplosioni di violenza. Infatti in questi paesi e, in genere, nei Paesi scandinavi, c'è un alto livello di uguaglianza e un forte spirito di comunità.
Perché gli altri Paesi non riescono a seguirne l'esempio? Perché non si sceglie una sana socialdemocrazia'
idaM
idaM

Messages : 78
Lieu : Como
Langues : Italian (langue maternelle), es, fr, gb

lambda95t3 aime ce message

Revenir en haut Aller en bas

I feel good. World Happiness Report Empty Re: I feel good. World Happiness Report

Message  Alina Mar 19 Sep - 0:56


È peculiare il modo in cui la felicità viene misurata in circostanze esteriori. Avete ragione entrambi, più unione, più comunità, fanno prosperare l'umanità e, ovviamente, non tutti sono felici di vivere in un barile, sicuramente non più a nord. Eppure c’è chi potrebbe permettersi il barile più grande mai esistito, che arriva fino alla stratosfera, ma niente è mai abbastanza.
C'è una regione in questo mondo dove le persone non ammetterebbero mai di non essere felici. Nei sondaggi guidano la classifica giudicandosi felici, semplicemente perché altrimenti ammetterebbero il fallimento. Avendo dovuto girovagare tra quelli per un po', posso confermare che non è così.
La via scandinava è sicuramente migliore che istigare una competizione non necessaria tra i “meno responsabili” secondo il concetto di “divide et impera”, ma può, a volte, impedire alle persone di creare qualcosa di speciale. I membri degli Abba hanno affermato che il consenso svedese all'epoca, prima che diventassero famosi, stigmatizzava il fatto di distinguersi per la musica allegra e i costumi colorati, poiché il modo di fare arte era essere modesti e critici e scrivere canzoni socialmente critiche. Come in tutte le cose, ci vuole equilibrio. I giapponesi si stanno adeguando ad una colpa e non sono in molti a esserne contenti.

Un altro pensiero che mi si impone è che se i responsabili avessero una formula per distrarre le persone dalla fonte dei loro problemi e costringerle a credere che devono essere felici, la userebbero contro coloro che si suppongono felici: nessuno si alzerebbe. per se stessi per ottenere una fetta più grande della torta, prendendola da coloro che possono permettersi di dire "La gente non ha pane, perché non mangia la torta?!" L'ironia è che non esiste una torta finita. Generare ricchezza non è un gioco a somma zero. Meglio si comportano TUTTI i livelli della società, migliori sono le persone a TUTTI i livelli.

Torniamo alla percezione della felicità: tutti noi potremmo trarre profitto guardando più spesso il lato positivo. Anni fa, è successo, stavo viaggiando attraverso Londra. Le cose non stavano andando bene. Poi ho pensato: potevo anche sentirmi felice, comunque. Il mio umore non influenzerà la realtà – o forse sì. Puoi scegliere la felicità. Ha funzionato allora. Ma non pensare ora che io sia tra i beati che possono sempre farlo. Non vuoi illuderti. Ha bisogno di un equilibrio nel guardare il lato positivo senza ignorare il lato oscuro, senza però lasciarsi consumare concentrandosi costantemente su quello.

Mi sono imbattuto in un libro molto interessante “The idiot brain” di Dean Burnett, che spiega perché ci soffermiamo sul negativo. In poche parole, direi così: se uno dei nostri antenati, diciamo, avesse camminato attraverso la foresta, fosse arrivato in una radura soleggiata, avesse avvistato una farfalla e avesse fatto un salto incantato, forse avrebbe trascurato l'orso o il lupo tra i cespugli e non poter trasmettere i geni della felicità. Oggi, stiamo affrontando il paradosso di dover girare intorno a ciò che millenni di evoluzione ci hanno reso, perché oggigiorno facciamo meglio a pensare positivo. Tuttavia, questo potrebbe essere più facile da raggiungere che provare a seguire una dieta (poiché siamo progettati per mangiare troppo e fare troppo poco per risparmiare energia).
A questo proposito: ora guarderò un film mangiando popcorn, dove posso controllare il brivido che provo, senza essere effettivamente influenzata da ciò che sta accadendo. Ciò mi rende/ci fortunata ma anche, sempre di più, ci separa gli uni dagli altri. Ai vecchi tempi, le persone parlavano con gli sconosciuti su un treno/autobus. Da un sondaggio condotto dai trasporti di Londra è emerso che agli anziani va ancora bene così, ma non tanto ai più giovani che, come a volte mi sembra, sembrano essere nati con le cuffie che sporgono dalle orecchie, proteggendole dalle? Tutto si riduce all’ultima affermazione di Ida “Conosci te stesso – sii te stesso” o come disse Buddha “La sofferenza deriva da un distacco dalla realtà” – anche se a volte questo crea felicità. Bisogna sapere quando applicare cosa.

Alina

Messages : 4
Langues : De(l.mater)Gb, Fr, It, Esp

Revenir en haut Aller en bas

I feel good. World Happiness Report Empty Re: I feel good. World Happiness Report

Message  MurielB Mer 20 Sep - 23:13

Grazie mille Alina per il tuo contributo 
Come si fa a sapere se una persona è felice?
Personalmente, credo che ci siano persone che hanno la capacità di essere felici. Hanno uno scenario vincente, molta energia, una buona salute. Tutto questo le ha rese forti e quando si presenta una difficoltà sono armate per superarla. Altre persone non sono così fortunate, ma la loro resilienza (In psicologia, la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà). permetterà loro di sopportare e superare le difficoltà. Cresceranno da esse se le prove non li spezzeranno.
Come dice Hector nel libro "Hector o la ricerca della felicità", il mondo esterno è importante per la nostra felicità.
In questo libro, l'organizzazione di ogni Paese deve permettere a ogni abitante di essere felice. Il Paese deve essere governato da persone valide e competenti


Dernière édition par MurielB le Jeu 21 Sep - 8:25, édité 3 fois

_________________
France Merci de me faire part des grosses fautes dans mes messages en langue étrangère (en Message Privé). Grâce à vos remarques, je pourrai m'améliorer  :-) 
Pour n'importe quelle  question =>muriel.bercez@gmail.com
Pour connaitre le mode d'emploi=>PRESENTATION
You Don't speak French              =>Gb,De, Esp, It 
MurielB
MurielB
Admin

Messages : 17605
Lieu : Calais
Langues : Français (Langue maternelle), Gb, De, It, Es, chinois

Revenir en haut Aller en bas

I feel good. World Happiness Report Empty Re: I feel good. World Happiness Report

Message  Alina Mer 20 Sep - 23:31

Ho appena scoperto che Reverso.net è un sito di traduzione molto meglio di Google Translator.
Anch'io ho letto il libro "Hector e la ricerca della felicità" e lo ha amato.
Sì, ha bisogno di alcune basi del mondo esterno per sentirsi bene dentro. Un barile non lo farebbe in quella tempesta che sta infuriando fuori qui a Londra. Il resto dipende da se stessi. La generazione interiore di felicità. È tutta una questione di concentrazione e prospettiva.

Alina

Messages : 4
Langues : De(l.mater)Gb, Fr, It, Esp

Revenir en haut Aller en bas

I feel good. World Happiness Report Empty Re: I feel good. World Happiness Report

Message  idaM Ven 22 Sep - 17:53

Io credo che la felicità sia una parola grossa, penso piuttosto alla parola benessere, certamente non solo fisico ma anche psicologico. A meno che non intendiamo che essa sia l'esaltazione di un momento di gioia ed allora è transitoria o meglio l'accettazione della vita così come viene,   guardando  al lato positivo che c'è in ogni situazione. Allora tutto, anche il male rientra  diciamo nel "bene". Ma per riuscire in questo occorre una forte consapevolezza di sé e una maturità di pensiero che non tutti hanno. E allora dovremmo concludere che la felicità esiste ma è appannaggio di davvero molo pochi.  Qualcuno pensa che vivere alla giornata possa dare felicità ma questo può significare superficialità e comunque non prova la reazione di fronte al male.
Certamente i Paesi dovrebbero offrire ai cittadini un ambiente sano e sostenibile, una sanità efficiente, un sistema di trasporti sicuro e rispondente ai bisogni di tutti, un sistema economico che elimini il forte ventaglio tra pochi ricchissimi e molti poverissimi, una scuola che formi davvero e dia una solida preparazione e sicuri sbocchi professionali evitando la fuga dei cervelli, una tassazione equa, una serie di servizi sociali degni di un paese civile ... l'elenco sarebbe infinito. Secondo il WHR pare che i Paesi nordici rispondano bene, ma io credo che ciò non basti. Credo sia indispensabile la consapevolezza di sé, l'intelligenza emotiva e dunque il riconoscimento delle proprie emozioni e la loro traduzione nelle scelte e nei fatti quotidiani  della vita. Da quello che leggo e vedo, pare sia evidente che questo sia un risultato poco presente nei giovani
(anche in Scandinavia e Finlandia ci sono suicidi giovanili), ma  maturato negli anni e con l'esperienza, a volte anche con le inevitabili le batoste della vita.
idaM
idaM

Messages : 78
Lieu : Como
Langues : Italian (langue maternelle), es, fr, gb

Alina aime ce message

Revenir en haut Aller en bas

Revenir en haut

- Sujets similaires

 
Permission de ce forum:
Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum